noi

L'Associazione per la Pace si fonda sul principio dell'adesione individuale, è autonoma da partiti, organizzazioni politiche e da altre forme associative. E' aperta a donne e uomini di differenti ispirazioni religiose ed etiche e di opinioni politiche, che vi partecipano su un piano di parità , di rispetto reciproco, di ricerca comune e di valorizzazione delle differenze.

L'Associazione per la Pace è un'organizzazione di volontariato. L'Associazione si fa promotrice di progetti politici e culturali volti alla realizzazione del disarmo, alla cessazione dei conflitti esistenti nel mondo, alla risoluzione dello squilibrio tra paesi ricchi e paesi poveri, al rispetto dei diritti umani e delle libertà dei popoli, alla pratica della nonviolenza e all'affermazione di una nuova idea di rapporto con il pianeta che ponga fine alla violenza fra le persone e sulla natura.

L'Associazione si impegna a far vivere quotidianamente la cultura di pace, giustizia, nonviolenza, solidarietà, democrazia, libertà.
La vita organizzata dell'Associazione si ispira in particolare al movimento delle donne nella sua critica al potere, alla gerarchia e alla cultura del dominio. L'Associazione per la pace riconosce la differenza sessuale maschile e femminile come categorie teoriche fondanti per l'analisi della realtà ; riconosce e valorizza i grandi cambiamenti di prospettiva culturale e sociale che nella nostra società derivano oggi dal riconoscimento della assoluta pari dignità dei diversi orientamenti sessual

L'Associazione si fa promotrice di progetti e iniziative che mirino al superamento di ogni forma di esclusione e discriminazione basata su motivi di razza, sesso, opinioni politiche, credo religioso o appartenenza ad un determinato gruppo etnico, sociale o culturale. In particolare l'Associazione si impegna a contrastare ogni forma di razzismo e a favorire la costruzione di una società multiculturale basata sull'accettazione delle differenze e la valorizzazione delle diversità.

L'Associazione per la Pace si impegna per la democratizzazione e la riforma delle istituzioni internazionali, per le politiche di cooperazione internazionale allo sviluppo, per un'economia sociale e solidale con finalità di giustizia.

 

Vai all'inizio della pagina