Associati anche tu!
Progetti in corso
Youth in Action - Italia e Libano 

Peace Puzzle - Libano
 YOUTH UNEMPLOYMENT AND ENTREPRENEURSHIP
Islanda, Italia e Turchida
 MUSICOTERAPIA NEI CAMPI-PROFUGHI PALESTINESI DEL LIBANO
Gruppi Locali
Se puoi, fai una donazione!

Skype Meâ„¢!

nena-news.globalist.it

Associazione per la Pace

Difendiamo il Parco S. Gallo a Pisa!

 

 

Arena di Pace e Disarmo

 

Appello per la fine del conflitto in Siria

 

 

CULTURA E' LIBERTA'

Presentazione della campagna per la Palestina CULTURA E' LIBERTA'

10 e 11 gennaio a Roma

 
Documento del Congresso dell'Associazione per la Pace:

PER IL RILANCIO DEL MOVIMENTO PACIFISTA

Neanche 10 anni sono passati da quando, con un’affermazione decisamente esagerata, un famoso giornale nordamericano definì il movimento pacifista “seconda potenza mondiale”. Eravamo all’inizio della “guerra permanente” dichiarata da Bush junior subito dopo la tragedia dell’11 settembre, con l’occupazione dell’Afganistan e l’invasione dell’Iraq.
Una mobilitazione imponente per ampiezza e diffusione. Milioni e milioni di persone che manifestavano in tutto il mondo contro gli orrori della guerra. Dappertutto le bandiere arcobaleno sventolavano e si mescolavano agli altri simboli della protesta mondiale, ed il tema della pace si intrecciava indissolubilmente a quelli della solidarietà e della lotta alla globalizzazione neoliberista. Era l’epoca del trainstopping e dei Social Forum, delle marce e dei dibattiti. Nel nostro paese dopo i drammatici giorni di Genova, vi fu una vera e propria mobilitazione di popolo che saldava il ripudio della guerra all’opposizione verso le politiche antipopolari e reazionarie del governo Berlusconi. Alle marce pacifiste si aggiunsero la lotta per la difesa del Wellfare e i girotondi per la difesa della democrazia. La grande manifestazione di Roma della CGIL e quella di Firenze al termine del Social Forum dimostravano la straordinaria capacità di mobilitazione e la diffusa voglia di protagonismo. Persino l’opposizione di centrosinistra, fino ad allora boccheggiante in Italia, trasse vantaggio da quell’esperienza, senza la quale non si sarebbe avuta la risicata vittoria del 2006. >>>

Ultime Notizie
Libri
 
Banner
Mostre

Chi e' online
 5 visitatori online
Login



Banner